Mofy, la coniglietta giapponese che parla anche italiano

Mofy è uno dei personaggi nati dalla fantasia di Aki Kondo, autrice meglio conosciuta come la creatrice del venerabile Rilakkuma. La dolce coniglietta è diventata questa primavera protagonista di una serie televisiva, che sta avendo un grande successo in Giappone (tanto che sono già in lavorazione nuove puntate). Realizzato in stop motion, l’anime vede la collaborazione non solo della giapponese Sony Creative, ma anche e soprattutto dell’italianissima Rai Fiction (che trasmetterà la serie nei prossimi mesi) e dello studio Misseri di Firenze che ha realizzato le animazioni.

Mofy

Per dare la sensazione della morbidezza e tenerezza dei personaggi, sono stati utilizzati dei batuffoli di cotone, opportunamente colorati e lavorati. Mofy, infatti, vive in un mondo di cotone e la scelta di utilizzare questo materiale per realizzare le animazioni è senza dubbio vincente e originale e dà quasi la sensazione di poter toccare i personaggi!

Mofy

Lo studio fiorentino è specializzato nella realizzazione di animazioni utilizzando materiali “alternativi”, come sabbia, carta e acqua (sì, avete letto bene!), ed è già conosciuto in Giappone per aver lavorato con la NHK (oltre ad aver vinto numerosi premi internazionali per i loro lavori). Se volete saperne di più, ecco un servizio de La Nazione su Mofy e lo studio Misseri, con alcune immagini dietro le quinte che raccontano come sono state realizzate le animazioni.

In attesa di poter vedere Mofy anche sui nostri schermi, potete vedere il trailer della serie sul sito ufficiale. Che ne dite? Non vi viene voglia di toccarli? 😀

By Alessandra 1o
By Alessandra
Copywriter per caso e grafica per passione. Si occupa di tutti gli aspetti del blog: cura dei contenuti, design, lato tecnico, gestione social networks.

Un commento

Oops! Non è possibile aggiungere commenti a questo post, ma puoi ancora condividerlo e commentarlo sui social network.