5 personaggi Sanrio che meritavano di più

This page is also available in English

Non tutte le ciambelle riescono col buco e qualche volta può capitare che dei personaggi che sembravano così carini non incontrino in realtà molto successo. Siamo andate quindi a spulciare l’archivio della Sanrio alla ricerca di quei personaggi semi-sconosciuti che, secondo il nostro insindacabile giudizio, avrebbero meritato un po’ di più di celebrità.

Sanrio Characters
©Sanrio

Ecco chi sono i nostri 5 prescelti, in rigoroso ordine cronologico!

  • Small People
    Small People, 1976. La protagonista di questa linea dalle atmosfere campagnole è Sweet Candy, leader di un gruppo di amici formato da Lou, Tami, Joy e Lee (l’unico maschietto). Assieme a loro c’è sempre il cagnolino Palo.
  • Paupipo
    Paupipo, 1988. È il principe della stella Giraffa. I suoi cornetti si illuminano sprigionando energia e possiede una palla magica che gli consente di andare dove vuole. Non sarebbe stato male come amichetto dei Little Twin Stars!
  • Sangoku Prison
    Sangoku prison, 2013. Una squadra di gatti samurai che combatte, a modo suo, per la conquista del regno. Sono i più famosi della nostra lista, dato che ci sono anche ben due giochi per iPhone che li vedono protagonisti!
  • Hikidashi aita
    Hikidashi aita, 2013. Sono due amici che vivono nei cassetti e hanno una grande passione per gli odori di ogni tipo (compreso quello di pesce, a quanto pare). Nel loro mondo, il profumo è fonte di felicità e simboleggia il legame con un amico.
  • Kaitou Loppappu
    Kaitou Loppappu, 2013. Con un design che ricorda un po’ i Sentimental Circus, è un coniglio malandrino che si camuffa da opera d’arte per rubare quadri nei musei. È senza dubbio il nostro preferito della lista!

E voi? Avete qualche personaggio-meteora che vi sarebbe piaciuto diventasse famoso? Fatecelo sapere tra i commenti!

By Alessandra 0
By Alessandra

Copywriter per caso e grafica per passione. Si occupa di tutti gli aspetti del blog: cura dei contenuti, design, lato tecnico, gestione social networks.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *